Come smettere di rimandare le cose

Indice

Gli studi suggeriscono che la procrastinazione colpisce cronicamente approssimativamente 15%–20% degli adulti e che circa il 25% degli adulti considera la procrastinazione un tratto distintivo della loro personalità. Alzi la mano se sei uno di loro! Se rimandi costantemente – e se sono onesto questo è qualcosa con cui posso davvero combattere a seconda dell’azione richiesta – allora avrai familiarità con quella cosa che languisce nella tua lista di cose da fare per mesi perché sembra troppo noiosa / travolgente o semplicemente totalmente sgradevole da fare.

Quando si tratta di scoprire come smettere di rimandare le cose, non esiste una risposta univoca a questa domanda, poiché le ragioni di ognuno per procrastinare sono diverse. Ma in generale, le persone tendono a procrastinare perché non vogliono affrontare il compito da svolgere. Possono sentirsi sopraffatti o insicuri, oppure possono temere le conseguenze di non svolgere il lavoro. Qualunque sia la ragione, è importante capire e accettare che la procrastinazione è una parte normale della vita e non picchiarti per questo.

Fortunatamente, ci sono cose che puoi fare per superarlo. Una cosa che mi piace fare e che è un buon punto di partenza è concentrarmi sui vantaggi del completamento del tuo compito: non solo i vantaggi in termini di risultato, ma anche i vantaggi in termini di sentirsi più sicuri e capaci. Una volta che ti senti più a tuo agio con l’idea di completare il tuo compito, puoi iniziare a lavorare su strategie per superare la tua procrastinazione. Questi potrebbero includere la suddivisione del compito in parti più piccole, l’utilizzo di tecniche di visualizzazione o la concentrazione su pensieri positivi. Qualunque cosa funzioni per te, è importante rimanere concentrati sui tuoi obiettivi e continuare a lavorare per raggiungerli, non importa quanto scoraggiante possa sembrare il compito all’inizio.

Detto questo, qui Shaa Wasmund MBE, autrice dei bestseller numero uno Fai di meno, ottieni di più e smetti di parlare, inizia a fare, recentemente nominata uno dei 20 imprenditori più influenti del Regno Unito dal Sunday Times, condivide il suo no-nonsense, no – Scusa consigli su come smettere di rimandare le cose.

****

Scommetto che hai voglia di qualcosa.

La vita è breve.

Se hai qualcosa che vuoi fare…. ora è un buon momento per iniziare.

Poco prima di scatenarti nel mondo del fare, fermati e prendi fiato, perché è necessaria un po’ di pianificazione.

Creiamo un piano per aiutarti a creare gli obiettivi giusti, obiettivi significativi per te. E poi sostenerli con un piano d’azione così li trasformeremo in realtà. Non si tratta di provare a fare tutte le cose; si tratta di provare a fare le cose giuste per TE.

Un po’ di pianificazione

La forza di volontà da sola non ti porterà dove vuoi essere.

Hai bisogno di un piano. Senza pianificazione, le tue possibilità di successo sono leggermente migliori di quelle di vincere alla lotteria.

Fare il piano giusto inizia con la definizione degli obiettivi giusti. Qual è il tuo obiettivo?

Stabilire un obiettivo per il piano significa stabilire un obiettivo che sia ragionevole e realizzabile. In altre parole, deve essere pratico. Il tuo prurito potrebbe essere quello di essere uno scalatore di fama mondiale, di gestire la tua attività, di viaggiare per il mondo, di fare arte. Ma per fare in modo che ciò diventi realtà, dobbiamo scendere a dettagli misurabili: allestire un negozio di fattoria biologica tra nove mesi; acquistare un biglietto per il giro del mondo entro Natale; per organizzare uno spettacolo estivo dei tuoi 10 migliori dipinti.

Il problema con gli obiettivi di fantasia

Tieni d’occhio gli obiettivi inappropriati. Una trappola in cui cadono i chiacchieroni è quella di fissare deliberatamente un obiettivo impossibile o talmente lungo da garantire quasi il fallimento.

Gli obiettivi devono essere significativi.

Cosa è significativo per te? Cosa vuoi davvero, davvero?

Se ci pensi, probabilmente c’è una cosa importante. Forse due. Mai più di tre.

Dobbiamo fare spazio nelle nostre vite e nelle nostre menti, e questo significa concentrarci su ciò che è più importante. È inutile fissare centinaia di obiettivi per ogni piccola cosa: finirai per annegare nel fallimento.

Scegli la cosa più importante e rendila il tuo obiettivo.

Punta in alto

Il tuo obiettivo deve essere significativo, ma ciò non significa che debba essere sensato o anche facilmente realizzabile. In effetti, un obiettivo davvero eccezionale dovrebbe essere leggermente al di fuori della tua portata, abbastanza lontano da doverti davvero allungare per raggiungerlo.

La superstar d’azione di Hollywood Bruce Lee ha scritto una lettera a se stesso, in cui ha promesso che avrebbe avuto successo e avrebbe posseduto $ 10 milioni entro il 1980. Oggi, la lettera è esposta al Planet Hollywood.

Puoi farlo anche tu.

Visualizza te stesso mentre raggiungi il tuo obiettivo. Entusiasti per questo. Ossessionato da esso. Vivilo e respiralo.

Con la pioggia o con il sole, sarai spinto a muoverti verso il tuo obiettivo. Non importa se non hai voglia di fare quella corsa o di studiare per quell’esame, lo farai lo stesso.

Pianificazione

Dopo aver definito con successo l’obiettivo, è necessario un piano.

Il piano suddividerà il viaggio in parti realizzabili di dimensioni ridotte e fornirà un percorso critico.

Questo è fondamentale. Visto nella sua interezza, il viaggio dal parlare al fare può apparire così travolgente da essere paralizzante.

Esaminando le parti costitutive dell’insieme, il progetto diventa meno intimidatorio.

Ad esempio, perdere 2 libbre al mese sembra molto più mirato che perdere 2 pietre in un anno. Ti consente di misurare i tuoi progressi, premiarli e reagire ai cambiamenti man mano che il tuo piano entra nella vita reale.

Il percorso critico

Questo è un termine di gestione del progetto utilizzato nel mondo degli affari per descrivere la sequenza di eventi che un team deve seguire per raggiungere un obiettivo in un determinato periodo di tempo. Se un evento è ritardato di un giorno, l’intero progetto sarà ritardato di un giorno.

Per i nostri scopi, il percorso critico significa semplicemente che devi capire in quale ordine i tuoi blocchi di lavoro devono essere completati per ottenere il risultato desiderato.

Il modo migliore per farlo è attraverso il reverse engineering.

So che sembra un concetto un po’ strano, dato che siamo così abituati a pianificare in anticipo, ma è molto più probabile che il reverse engineering abbia successo.

Inizia con la fine in mente. Affinché tu possa raggiungere questo obiettivo, cosa deve accadere? Lavoralo all’indietro; poi quando arrivi all’inizio, puoi rovesciare il primo domino e guardare il resto andare a posto.

Supponiamo che il tuo obiettivo sia tra 12 mesi. Puoi suddividerlo in quarti e avere un obiettivo più piccolo per ogni periodo di 90 giorni. Quindi suddividi ogni trimestre in periodi di 30 giorni. Poi ogni mese in settimane e così via.

Alla fine, vedrai davvero chiaramente cosa devi fare oggi per raggiungere il tuo obiettivo tra un anno.

Cose per aiutarti nel tuo viaggio e cose da buttare

Ora che ti stai muovendo in profondità nella terra del fare, dovresti usare ogni strumento possibile per assicurarti di seguire il corso. . . e fai attenzione a non sprecare tempo o energia in pensieri e attività che non aiutano.

Uno slogan personale

Sì – ascolta, cinici – hai bisogno di uno di questi.

Uno slogan. Un mantra. Un dispositivo per aiutarti ad entrare nelle abitudini positive che ti aiuteranno a spingerti a continuare a fare.

E serve anche come un grande martello martellante con cui colpirti in testa se inizi a scivolare di nuovo nel mondo rumoroso e senza direzione del parlare.

Quindi scegli uno slogan. Inventane uno. Qualunque cosa funzioni per te.

Diciamo che è “TALK IS CHEAP” – attaccalo allo specchio del tuo bagno, alla tua lampada da scrivania, al tuo frigorifero – ovunque tu ne abbia bisogno. Oppure rendilo lo sfondo del tuo computer o del tuo telefono.

E adesso?

…e ora tocca a te.

Se hai intenzione di farlo, ormai lo sai.

Inizio.

Questo è un estratto modificato da Smettila di parlare, inizia a fare: un calcio nei pantaloni in sei parti, edizione per il decimo anniversariodi Sháá Wasmund e Richard Newton (pubblicato da Capstone, novembre 2022)

CONDIVIDI
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on reddit
Share on tumblr
Share on telegram
Share on whatsapp